20eventi

Arte contemporanea in Sabina

Marco Strappato_ESTRATTO #3 – HOSSEIN PENSA CHE…

Marco Strappato, artista proveniente dall’Accademia di Belle Arti di Brera, è il primo protagonista del progetto On-line show di theworldisyours.org.
L’artista, che è stato selezionato anche per la quarta edizione di 20eventi (la quale inaugurerà il 23 maggio 2009), ha esposto, in occasione dell’On-line show, ESTRATTO #3 – Hossein pensa che…

L’opera di Marco Strappato, a cura di Claudio Musso, consiste in un video fruibile attraverso lo spazio espositivo virtuale impostato come piattaforma dell’intero progetto ed è visibile a partire da oggi (22 gennaio 2009).

Il video “utilizza la logica della selezione, applicata attraverso il prelievo di un estratto dal film Sotto gli ulivi (1994) di Abbas Kiarostami.
L’attenzione si concentra sulla conversazione, sulle parole pronunciate (da Houssein) che, scritte in forma di sottotitoli, usurpano il posto delle immagini” (da una notizia pubblicata su FaceBook).

Fotogramma del video - Courtesy of the artist

Fotogramma del video - Courtesy of the artist

L’intervento audiovisuale di Marco Strappato si inserisce (ed inaugura) un progetto ciclico di esposizione web. Allo stesso tempo fa parte di una serie (di cui il presente costituisce il terzo elemento) che caratterizza una ricerca artistica personale particolarmente meditata.

> Alcune sue mostra passate (Exibart)

Caratteristica forte della sua ricerca è il lavoro sul suono (rumore?): indiciduato, isolato, evidenziato  e ricontestualizzato. Ciò si evince anche dall’intervista che l’artista ha rilasciato al curatore, di cui voglio porre alla vostra attenzione la seguente affermazione (di Marco):

“Il processo di sottrazione del visuale non è un operazione meramente regressiva, vi è in esso la volontà di focalizzare l’attenzione, di indurre nello spettatore un potenziamento dell’immaginazione.
Non si immagina ciò che si percepisce…”

Una ricerca che, quindi, pur meditando sulla potenza evocativa del suono nella sua essenzialità (oserei dire astrazione), non rifiuta categoricamente il visuale. Il gioco dei sottotioli bianchi su sfondo nero  che richiama tutta la valenza estetica del Witz freudiano, mette in scena un gioco sottile di sottolineature e di omissioni attraverso il quale l’artista si mostra capace di mettere in questione l’evidenza dell’identità.

Emanuele Sbardella

> Maggiori informazioni sul progetto TWIY

TWIY

TWIY


> Scheda del film Sotto gli ulivi (Abbas Kiarostami, 1994)

Locandina del film

Locandina del film

Advertisements

January 22, 2009 - Posted by | 20 eventi | , , , , , ,

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: