20eventi

Arte contemporanea in Sabina

Sig Beunen_Pioneer

Readymade urbano con ricontestualizzazione di un semaforo belga sulla porta di Bocchignano.

Sig Beunen, Project for Pioneer, 20eventi 2009

Sig Beunen, Project for Pioneer, 20eventi 2009

La trasposizione di un oggetto d’uso espande il significato dell’oggetto stesso: il semaforo diventa opera d’arte. La collocazione in cima alla porta d’entrata al paese di Bocchignano rafforzerà la forza simbolica e l’assurdità di un oggetto che è riconoscibile ed ha la medesima funzione in tutto il mondo, ma che in ogni parte del mondo assume forme diverse.

L’artista riflette sulla condizione umana, sull’interazione con la madre terra e sull’evoluzione dell’uomo da creatura preistorica a cyborg tecnologico.

Il timore di un sistema totalmente controllato ciberneticamente porta Sig Beunen a trapiantare un semaforo belga in Italia, privandolo della sua funzione originaria. La sua collocazione in cima alla porta d’entrata al paese di Bocchignano ne nega la funzione regolatrice del flusso della vita e rafforza l’assurdità del conflitto fra gli istinti e le strutture sociali.

Emanuele Sbardella

l behaviour.

April 22, 2009 Posted by | 20 eventi, Critica - Gli artisti e le loro opere | , , , , , , | 1 Comment

Radicarsi nel territorio

Spesso si incontrano eventi culturali calati dall’alto su un territorio scarsamente investigato e coinvolto nell’iniziativa. L’intento di 20eventi è, invece, di lavorare in profondità per lasciare tracce durature sul territorio e diventarne parte sostanziale.

Fondamentale è quindi il lavoro nelle scuole, fin da quella materna ed elementare, nella convinzione che lavorare con i piccoli significa formare le generazioni di domani ed aprirli all’arte di oggi. Questo non significa indirizzarli necessariamente ad una carriera artistica, ma significa investire sulla creatività, formare spiriti aperti, sviluppare il concetto di tolleranza verso le diversità (cosa oggi più che mai necessaria).

Altrettanto importante è aprirsi alla collaborazione con i fermenti locali, che esistevano già sul territorio o che proprio grazie allo stimolo di 20eventi sono nate in questi anni. Non solo associazione culturali che operano in campo artistico ad altre più polivalenti, ma anche gruppi e cori musicali attenti studiosi e le Pro Loco.

Intendimento di 20eventi infatti è di contribuire alla crescita culturale del territorio:in una regione così ricca di un passato artistico, ma che per molto tempo è restata rigidamente attaccata a questo passato, una ventata di novità (chi meglio di un gruppo di artisti appena ventenni?) è ciò che riteniamo possa fornire il maggior giovamento.

Toffia - Foto di Emanuele Sbardella

Toffia - Foto di Emanuele Sbardella

April 21, 2009 Posted by | 20 eventi, Comunicazione - Rassegna stampa e ramificazioni web | , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

20eventi – La nostra rete

– Sito  http://www.arteinsabina.it

– Blog https://20eventi.wordpress.com

– Video – YouTube http://it.youtube.com/user/Sabina20eventi

– Foto – Flickr http://www.flickr.com/people/20eventi

– Foto – Panoramio http://www.panoramio.com/user/2072511

– Pagina FaceBook http://www.facebook.com/pages/20eventi/36404700668

Il concorso fotografico:
– Scaricare il bando: http://www.arteinsabina.it/ita/Foto%20in%20Sabina_Bando.pdf
– Iscriversi attraverso FaceBook http://www.facebook.com/event.php?eid=62682435020

Jacopo Mandich, che il 30 aprile esporrà un suo lavoro alla galleria: Studio Logos (Trastevere, Via dei Fienaroli 10, ore 19.00), ha progettato questa opera per 20eventi 2009.

mandich-20-eventi-disegni-marzo-1

Fa anche parte della nostra rete

– 2eventi.it http://www.2eventi.it/evento/2335-20eventi

NON fanno parte della nostra rete: http://www.20eventi.org o http://www.20eventi.it

20eventi. org 20eventi.it 20eventi.org e 20eventi.it non hanno nulla a che vedere con 20eventi – Arte contemporanea in Sabina, il cui siot è http://www.arteinsabina.it

April 21, 2009 Posted by | 20 eventi | , , , , , , , | 1 Comment

Nadia Naveau

> In Italiano

Nadia Naveau (1975) is an artist who teaches at Antwerp Royal Academy of Fine Arts.

Nadia Naveau is one of the teacher-artist involved in 20eventi 2009.

“The immediate sources of inspiration for this wonderful collection of sculptures were the countless sculptures and decorative elements that Nadia Naveau saw two years ago in Chinatown in San Francisco and the photographs of the famous 19th century Salons in Paris.

Nadia Naveau

Nadia Naveau

In Chinatown she was struck by the whimsical shapes and the white colour of the works; in the salons it was the swarm of white sculptures against a black background that caught her attention. She took both sets of images, merged them with the forms she has in her fingers and pushed them through each other”…

…”In Le salon du plaisir you recognize an enthusiastic drunkenness of form, but also the contours of Ingres and the clear outline of Hergé. The works in plasticine are very colourful, but the colour has no modeling function. Especially in the sculptures that are glazed in white you can see that form predominates. Light and shade provide added depth and movement, and seem to bring the scenes to life. In short you could say that Naveau has transferred the colour use of Delacroix into a manner of sculpting, as Camille Claudel did before her”

Hans Theys, An exploding merry-go-round (Le Salon du Plaisir)

> The complete essay

> Anna Hakkens Gallery

April 20, 2009 Posted by | 20 eventi, Curatela - Teorie e pratiche dell'allestimento | | 2 Comments

Nadia Naveau

> In English

Nadia Naveau (1977) è un artista che insegna all’ Accademia Reale di Belle Arti.

Nadia Naveau è uno degli artisti-insegnanti coinvolti in 20eventi 2009.

“L’immediata sorgente di ispirazione per questa magnifica collezione di scutlure sono state le innumerevoli opere plastiche e decorative che Nadia Naveau vide due anni fa nella Chinatown di San Francisco e le fotografie del Salon parigino della fine del XIX secolo.

Nadia Naveau

Nadia Naveau

A Chinatown fu colpita dalla forme stravaganti e il colore bianco delle opere; del Salon, invece, l’elemento di attrazione è stato lo stagliarsi di un bianco sciame di sculture su un fondo nero. Lei ha preso questi due repertori di immagini e li ha fusi, sovrapponendoli alle forme che si trovava per le mani e cercando un punto di incontro.

In Le salon du plaisir si può riconoscere un entusiastica oscurità della forma, ma anche i contorni di Ingres e il chiaro tratto di Hergé. I lvori in plastilina sono molto colortati, ma il colore non ha alcuna funzione modellante. Specialmente nelle sculture satinate di bianco si può vedere che la forma predomina. Luce e ombra aggiungono profondità e movimento, e sembrano portare le scene alla vita. In breve, si potrebbe dire che Naveau ha trasferito l’utilizzazione del colore di Delacroix in un modo di scolpire, come Camille Claudel ha fatto prima di lei”

Hans Theys, Una giostra che esplode

> The complete essay

> Anna Hakkens Gallery

April 20, 2009 Posted by | 20 eventi, Curatela - Teorie e pratiche dell'allestimento | , , , , , , , , , , | 1 Comment

Jean Janssis

Jean Janssis (1953) vive e lavora a Liegi, dove insegna fotografia e semiotica presso l’Accademia di Belle Arti Saint-Luc. Autodidatta fotografo dal 1980, le sue fotografie sono esposte regolarmente in Europa.

Vaast Colson è uo degli artisti-insegnanti coinvolti in 20eventi 2009.

Jean Janssis mette in scena l’anima umana. Posate su grandi fogli di carta per incisione le sue foto studiano le passioni. Ritratti, dipinti, esposizione di corpi, battito di cuori. Foto che bruciano.
Si tratta di una analisi in senso psichiatrico del termine; un’analisi dalla quale nessuno può uscire incolume.

> Artist website

Dal 24 aprile, Jean Janssis esporrà a La Châtaigneraie – Centre wallon d’art contemporain

Jean-Marc Chapa - Jean Janssis La Châtaigneraie 24 mai 2009

Jean-Marc Chapa - Jean Janssis La Châtaigneraie 24 mai 2009

Jean Janssis (1953) vit et travaille à Liège où il enseigne la photographie et la sémiologie

à l’Ecole supérieure des Beaux-Arts Saint-Luc.

Photographe autodidacte depuis 1980, ses photos sont régulièrement exposées principalement en Europe.

Jean Janssis est un des artistes-enseignants qui sont impliqués dans 20eventi 2009.

Jean Janssis met en scène l’âme humaine. Couchées sur de grands papiers gravure (tirages pigmentaires à la gomme bichromatée) ses photos étudient les passions.

Portraits, tableaux, étalage des corps, battement des cœurs. Des photos qui brûlent.

C’est une analyse au sens psychiatrique du terme et dont on ne sort pas intact.

Jean Janssis

Jean Janssis

April 19, 2009 Posted by | 20 eventi, Curatela - Teorie e pratiche dell'allestimento | , , | Leave a comment

Vaast Colson

> In English

> Related article

Vaast Colson (1977) è un artista che insegna all’Accademia di Anversa.

Vaast Colson è uo degli artisti-insegnanti coinvolti in 20eventi 2009.

Nel suo lavoro artistico egli utilizza le installazioni, e performance e altri interventi al fine di creare uno spazio in cui poter dare luogo a forme. Il suo lavoro è determinato dalle circostanze, dalla location o dal pubblico. Questo pubblico può essere tanto un amante dell’arte quanto un inconsapevole passante.

Il contenuto del suo lavoro è sottile, generoso e coinvolgente. Intensi sforzi fisici o mentali sono spesso parte di esso. Tutto ciò a cui l’artista si dedica è solo il processo che soggiace alla strutturazione del significato. Pertanto, l’immagine o il prodotto finale è un documento composito: sia esso una scultura, un film, una fotografia o una installazione.

Vaast Colson - Trying to be Dennis Tyfus

Vaast Colson - Trying to be Dennis Tyfus

April 19, 2009 Posted by | 20 eventi, Curatela - Teorie e pratiche dell'allestimento | , , , | 1 Comment

Vaast Colson

> In Italiano

> Related article

Vaast Colson (1977) is an artist who teaches at Antwerp Royal Academy of Fine Arts.

He’s one of the artist-teachers involved in 20eventi 2009.

As artist he takes advantage of installations, performances, actions and interventions to create a space wherein form can be originated. His job is determined by the circumstances, the location or by the audience. This audience can be an art lover or a passerby. The content of his work is subtle, generous and engaging. Intense physical or mental efforts are often part of it. His only dedication is the process based on the signification. Therefore the ultimate image or product is a composed document: a sculpture, a movie, a photograph or installation.

Vaast Colson - Trying to be Dennis Tyfus

Vaast Colson - Trying to be Dennis Tyfus

April 19, 2009 Posted by | 20 eventi | , , , | 1 Comment

Artistic playground in Farfa – Playtime and imagination

> In Italiano

The playground in Farfa came into being about two years ago, on land owned by the F. Cremonesi Foundation. It is an on-going project that promises not only to expand, but to bring joy to countless children and even their adult companions as they discover new ways to have fun outdoors and close to home.

It all began with the idea of inviting artists to come up with a structure of some sort that was both a piece of contemporary art and something fun that children would want to play with or on. The idea was adopted by 20eventi and the Prior of Farfa Abbey, Don Eugenio Gargiulo OSB, who also happens to be the President of the Cremonesi Foundation,  jumped on board immediately and with great enthusiasm.

What better way to familiarize children with the expressive forms and language of contemporary art than enabling them to play in an artistic environment created specifically for them to have fun?

> Abbay of Farfa

> Fondzione Cremonesi

> 20eventi – Arte contemporanea in Sabina

Gronchi - Tuttuntubo

Gronchi - Tuttuntubo

Donna Han - Il giardino alato

Donna Han - Il giardino alato

This year the young artists from Academy of Fine Arts of Rome will work on this project.

> Related post
> Accademia di Belle Arti di Roma

April 16, 2009 Posted by | 20 eventi | , , , , , , , | Leave a comment

Il parco giochi artistico di Farfa

> In English

Il parco giochi di Farfa è nato due anni or sono sul terreno della Fondazione F. Cremonesi. Si tratta di un progetto che oggi continua a crescere, gioia dei bambini  e spesso anche dei grandi, che trovano nuove idee per far divertire i loro piccoli anche a casa.

L’idea è stata quella di chiedere agli artisti di inventare opere che avessero  al contempo le caratteristiche dell’arte contemporanea ma anche gli elementi ludici per far giocare i bambini. Questa idea è stata portata avanti da 20eventi e subito sposata con entusiasmo dal Priore dell’Abbazia, Don Eugenio Gargiulo O.S.B., il quale è anche presidente della Fondazione Cremonesi.

Quale modo migliore di abituare i bambini al linguaggio ed alle forme espressive della contemporaneità che facendoli giocare in un ambiente artistico creato appositamente per loro?

> Sito dell’Abbazia di Farfa

> Sito della Fondzione Cremonesi

> Sito di 20eventi – Arte contemporanea in Sabina

Gronchi - Tuttuntubo

Gronchi - Tuttuntubo

Donna Han - Il giardino alato

Donna Han - Il giardino alato

Quest’anno saranno in particolare gli artisti provenienti dall’Accademia di Belle Arti di Roma che lavoreranno al parfezionamento di questo progetto.

> Related post
> Sito dell’Accademia di Belle Arti di Roma

April 16, 2009 Posted by | 20 eventi, Curatela - Teorie e pratiche dell'allestimento | , , , , , , , , | 1 Comment